23 ottobre 2017

Recensione: L'amore ha il tuo sorriso - Katie Ashley (Vicious Cycle #2)

L'amore ha il tuo sorriso
(Viciuos Cycle #2)
di Katie Ashely
Newton Compton Editori
Anno 2017
Pagine 336
Euro 5,99 

Annabel Percy è la figlia di un potente politico in cerca di trasgressione, e inizia a frequentare un motociclista pur sapendo che è la persona sbagliata per lei. Ma si ritrova a vivere un incubo quando viene rapita e trasportata in un inferno che non avrebbe mai immaginato.
Nato e cresciuto nel club di motociclisti Hell's Raiders, Nathaniel "Reverend" Malloy darebbe la vita per i suoi compagni. Ma quando diventa l'inaspettato salvatore della prigioniera di un club rivale, Rev accetta la missione di prendersi cura della guarigione di Annabel e di proteggerla dagli incubi che la tormentano.
Quando Annabel guarisce, si accorge con sorpresa che si sta innamorando dell'uomo affascinante che l'ha salvata. Di fronte alla loro impossibile attrazione, riuscirà ad accettare il suo stile di vita, o Rev si allontanerà dalla vita che ha sempre conosciuto per la donna che non avrebbe mai dovuto amare?

Ho una predilezione per gli MC Romance, ovvero quei libri che raccontano storie d'amore ambientate nel mondo dei Motorcycle Club. Datemi biker rudi, tatuati e dal dirty talking, e mi avete conquistata (oh, sono di gusti semplici, io ^^). Ero stata felicissima di scoprire che la Newton Compton avrebbe portato per noi lettrici italiane la trilogia Vicious Cycle di Katie Ashley. Ricorderete però, che il primo volume, L'amore ha i tuoi occhi, mi aveva abbastanza deluso, e speravo che le storie di Reverendo e Vescovo riuscissero a conquistarmi a differenza di quella di Diacono. Ebbene, posso dire che ci sono riuscite. In particolare ho amato questo secondo libro, in cui la rinascita in amore e nella vita è possibile, anche dopo un trauma impossibile da accettare.

Nathaniel "Reverendo" Malloy ha un obiettivo in mente: smacchiare la reputazione degli Hell's Raiders, cancellando ogni traccia di attività poco pulite portata avanti fino a ora, visto che l'illegalità ha portato loro solo problemi, violenza ingiustificata e la perdita di persone care e fratelli all'interno del club. Non sarà facile ripulirsi, soprattutto quando viene chiesto il suo aiuto in una incursione armata per salvare Sarah, la figlia di uno dei membri più anziani del club. La ragazza è infatti finita nelle grinfie di uno dei soci di un inarrestabile cartello della droga messicano.
Insieme a Sarah ci sono tante altre ragazze costrette a subire violenze e sevizie di ogni genere prima di essere vendute come schiave sessuali. Purtroppo, dopo un brutto errore di valutazione, anche la giovane Annabel Percy sta vivendo il medesimo incubo di Sarah, e solo quando Reverendo la trae in salvo, finalmente Annabel smette di soffrire. Tuttavia, non può ancora cancellare dalla memoria la violenza di cui è stata vittima, che incide nel suo corpo e nella sua mente più a fondo di quanto sia umanamente accettabile.
Colpito dalla fragilità di Annabel, Reverendo fa di tutto per darle una mano, poiché sa perfettamente cosa ha subìto. Molto più di quanto gli piacerebbe ammettere.

Nel silenzio assordante che ci circondava, presi un respiro incerto e iniziai a raccontare la mia storia. Le mura del bagno dell’ospedale si dissolsero mentre tornavo indietro con gli anni, a una stanza da letto con una coperta rosa. Mentre raccontavo, caddero le catene che mi avevano costretto a quel lungo silenzio, e provai una libertà che non sapevo potesse esistere.

Reverendo e Annabel sono più simili di quanto credano, in qualcosa che va oltre le loro famiglie di origine (agiata quella di lei e più modesta quella di lui), o dell'ambiente e del modo in cui sono stati cresciuti.
Il loro rapporto nasce quasi in fretta, ma le premesse sono tali che questa "fretta" non rovina la verosimiglianza della storia. Annabel, a differenza di Alexandra, non cambia da una pagina all'altra, rimane coerente con se stessa, e i cambiamenti che affronta sono ben ragionati e spiegati dalle brutte vicissitudini che è stata costretta ad affrontare. 
Rev è il mio personaggio preferito: è il presidente dei Raiders, è costretto a prendere spesso decisioni difficili e fare uso di linguaggio rude e violento, ma nel cuore è un uomo dolce, gentile e compassato. Ciò che ha passato ha segnato la sua anima, ma non l'ha annientato del tutto. Certo, è stato difficile per lui confessare ai suoi fratelli e a Mama Beth il segreto che si è portato dietro per anni, ma il coraggio di Annabel, la sua vicinanza e sì, la sua forza, lo spingono a dare voce a quella macchia che, ancora oggi, lo getta in una spirale oscura di incubi che gli rubano il sonno e la serenità.

Lo sai cosa disse un saggio una volta? Che se si mostra un pentimento autentico per le proprie azioni, si può trovare la redenzione. Tutto ciò che devi fare è chiedere perdono a qualsiasi entità superiore in cui tu creda». 

Una bella storia, tra action, erotic e suspense, raccontata in modo essenziale e scorrevole. La Ashley per me ha solo un piccolo difetto: sintetizza troppo alcune situazioni, col risultato che il libro finisce davvero troppo presto, mentre io avei voluto leggere ancora e ancora. Mi è piaciuta particolarmente la coppia protagonista, non solo come Rev e Annabel reagiscono alla tematica della violenza sessuale che li vede coinvolti, ma anche alle prese con le differenze caratteriali, le aspettative delle rispettive famiglie e i problemi che il loro amore appena sbocciato deve affrontare. Le scene familiari di casa Malloy, il rapporto tra i tre fratelli, diversi nel carattere, ma legati e uniti come non mai, e la vita all'interno del MC, sono poi ciò che amo leggere e ritrovare in romanzi di questo tipo. La ciliegina sulla torta, insomma, il tutto raccontato con brio e scorrevolezza. Un romance davvero bello che vi consiglio senza indugi :) Però ricordate: Rev è mio!!!
Quattro stelle e mezzo

10 commenti:

  1. Mi hai incuriosita molto! Credo proprio che lo leggerò! Voglio assolutamente conoscere meglio il TUO Rev!
    Buon inizio settimana!

    Nuovo post sul mio blog! Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. L'avevo scartato un po' di tempo fa, dopo aver aspettato invano il cartaceo. Ora che ho letto la tua recensione, però, lo rimetto in lista. Tengo le dita incrociate con la Newton....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incrociamole insieme le dita ;) Di sicuro questo lo voglio in cartaceo ^_^

      Elimina
  3. ecco queste cover sono da sbavino e anche la storia a quanto sembra :D
    Rosa mi fai venire voglia di leggere questo libro!

    RispondiElimina
  4. Ciao Rosa come va? Secondo me il libro migliore di questa serie è questo su Rev.. Io ho appena finito il 3°, quello su Vescovo....delusione..
    kiss
    Morgana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Morgana <3 Sono d'accordo con te, il libro di Reverendo è il migliore della trilogia, a seguire quello di Vescovo (a me non è dispiaciuto per nulla, invece) e Diacono per ultimo ^^"
      Un bacio!

      Elimina
  5. Lo avevamo capito da tempo che hai una predilezione per gli MC Romance ahahahah. Comunque fino a cinque minuti fa avevo ancora qualche dubbio su questa serie (proprio per colpa del primo volume) ma con questa recensione mi hai convinta. Cioè mi piace questo Reverendo (vedi che c'era anche un vescovo? Ma il cardinale anche c'è?). Mi piacciono i romanzi emotivamente tostarelli e dal linguaggio zozzo. Chissà se lo leggerò mai ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non lo sai tu, che mi sopporti da tre anni ormai XD Il primo libro è decisamente un altro mondo, credimi. Nooo, nessun cardinale, solo Diacono, Vescovo e Reverendo ;) Leggilo!

      Elimina

Vi presento...La Confraternita del Pugnale Nero di J.R. Ward

In onore dell’uscita americana di domani del romanzo  The King , il dodicesimo volume della Confraternita del Pugnale Nero...