16 gennaio 2020

Parliamo di...Blocco del lettore

Hola, miei cari lettori! Oggi mi piacerebbe parlarvi di un argomento che sono certa vi ha colpito almeno una volta nella vostra avventura da lettori. Sto parlando del terrificante blocco del lettore. Avete presente, sì, quella bestia nera che si attacca al cervello e ci impedisce di leggere come e quanto vorremmo? Oppure che ci fa arrancare nella lettura o trovare ogni libro su cui mettiamo gli occhi noioso, brutto, fastidioso, tale da doverlo chiudere dopo tre righe lette in croce?
Nessuno ne è immune, ecco allora alcuni consigli messi in pratica dalla sottoscritta per riuscire a superare il blocco e tornare a leggere e amare i libri.



Consiglio numero uno: NIENTE STRESS!
Non lasciatevi prendere dal panico se non toccate un libro da più di quarantotto ore. Evitate la caduta libera nella spirale da oddio-non-ho-più-voglia-di-leggere e se non riuscissi più a farlo? Cosa ne sarà di me e della montagna di libri nella libreria, per non parlare delle centinaia di ebook sull'ereader, per i quali ho speso l'equivalente del PIL del Principato di Monaco? 😱
In questi casi la parola d'ordine è CALMA! Niente panico. Succede, okay? Tutti affrontiamo momenti particolari della nostra vita in cui abbiamo tanto da fare tra lavoro, famiglia, studio e/o altro a occupare la mente. Semplicemente succede di non aver voglia di leggere, anche se siete dei lettori forti che leggono un libro al giorno fin da quando avete imparato a farlo. Il blocco arriva per tutti, perciò non fatene una tragedia. Passerà. Non importa se durerà una settimana, due, un mese o un anno. Se siete dei lettori, tornerete a leggere, punto.

Consiglio numero due: CAMBIATE GENERE...

Vi ritrovare a depennare un libro dopo l'altro, dopo nemmeno una decina di pagine a dir tanto, oppure avete lo stesso romanzo ad attendervi sul comodino da un tempo indefinito. Siete in blocco. Come uscirne? Per prima cosa provate a cambiare genere. Siete degli amanti dei romance, ma al solo leggere di lei/lui che si sdilinquiscono nelle loro seghe mentali amorose vi viene la nausea? Spostatevi su un bel thriller o su un fantasy. A me è successo ultimamente di provare noia per i romance contemporanei, e per evitare di non leggere, dopo un breve viaggio nel mio genere preferito (vedi consiglio quattro) mi sono spostata sul fantasy, sfoltendo quei titoli che stanziavano nella mia wish list da anni. Blocco evitato e in più ho accorciato la mia to be read. Bello, no?
Il consiglio vale ovviamente per qualsiasi genere che ci porti fuori dalla nostra zona di comfort: cambiare prospettiva può aiutare a riaccendere l'attenzione e risvegliare l'emozione per una storia. Non abbiate paura e comunque provare non costa nulla, e se vi aiuta a sbloccarvi... tanto meglio!

Consiglio numero tre: ... E TIPOLOGIA!

Sentirsi in blocco da lettura non deve essere per forza un momento negativo, ma può e deve trasformarsi in un momento di esplorazione. Cambiare media potrebbe essere la spinta giusta per ritrovare la voglia di leggere. Buttatevi su un racconto, ad esempio: le antologie sono fantastiche, raccolgono tante storie, tutte diverse per autore e genere che solitamente girano su uno stesso tema. Io ne compro tante per averne di riserva proprio per i momenti in cui mi sento bloccata. Una novella breve, o anche più di una, può essere d'aiuto nel soddisfare la nostra voglia di leggere senza però appesantirci con l'impegno di una storia lunga trecento o più pagine. E se non vi piace, via alla prossima!
Potreste provare a leggere qualcosa che non avete mai letto, come un graphic novel: io li adoro, vado a periodi in cui ne divoro tantissimi uno dietro l'altro, e tra le mie prossime letture ci sarà Emil Ferris con La mia cosa preferita sono i mostri e la gn di Tim Hamilton su Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, così riesco a recuperare un classico della distopia rielaborato in chiave nuova. 
Oppure, avete mai ascoltato un audiobook? Esistono tantissime app che vi consentono di provare l'esperienza, primo fra tutti Audible, che permette pure una prova gratuita di trenta giorni. Io ho adorato ascoltare il racconto di Anna Chillon e prima o poi replicherò l'esperienza.
Questo potrebbe essere il momento perfetto per fare una prova e magari scoprire ciò che non immaginavate potesse piacervi. 

Consigli numero quattro: I LOVE MY COMFORT ZONE.
Se uscire dalla propria comfort può essere utile per non impantanarsi in un periodo di zero letture, accoccolarcisi non è necessariamente un male. Avete mai riletto i vostri libri preferiti? Potreste approfittarne, scoprendo nuove sfumature e dettagli del vostro romanzo del cuore che alla prima lettura avevate perso per strada. Lo stesso vale per i vostri scrittori preferiti: recuperate le uscite arretrate del vostro fav author, o rileggete i suoi classici che vi hanno fatto innamorare delle sue storie e di quel genere particolare. 
Per esempio, ho avuto modo l'estate scorsa di ributtarmi sul paranormal romance,  il mio genere preferito, da cui mi ero allontanata per via delle somiglianza tra le strutture narrative che rendevano ogni storia uguale all'altra, riuscendo a recuperare la serie degli Angeli Caduti di J.R. Ward, e sempre di suo (la mia autrice preferita ma con grosse riserve ultimamente, ve ne parlerò... forse), la trilogia di The Bourbon Kings che attendeva da anni nel mio ereader.

Spero di esservi stata d'aiuto, e se vi va condividete pure i vostri metodi per evitare il blocco del lettore. 
Un abbraccio 💕
 

12 commenti:

  1. Ciao io più un blocco nella lettura devo trovare più tempo per leggere. Buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', quello bisogna ritagliarselo, in un modo o nell'altro 😊 Fossero anche solo dieci minuti al giorno...

      Elimina
  2. Quando sono nel blocco del lettore non mi trovo bene a cambiare genere, sono più per restare nella confort zone rileggendo i miei libri preferiti, oppure buttandomi nelle fanfiction XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come me, anche se nel tempo le ho provate davvero tutte. Le fan fiction però proprio non riesco a farmele piacere, sorry 😅

      Elimina
  3. TesoRosa! Vero, il blocco del lettore prima o poi capita! Quando mi succede inizio un libro dietro l'altro alla ricerca dell'incipit giusto, e se non funziona mi costringo a finirne almeno uno! Se non facessi così, continuerei la ricerca per settimane! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece devi proprio trovare la lettura perfetta, altrimenti non la finisco neppure se mi costringono con i carboni ardenti sotto le palpebre 🤣

      Elimina
  4. Mi pare che non mi sia mai capitato di non avere voglia di leggere, anche se non sempre leggo con la stessa intensità. Invece mi capita ogni tanto di mollare un libro dopo l'altro, vuoi perché mi deludono, vuoi perché proprio non riesco a capire di cosa ho bisogno. In quei casi anch'io uso il metodo "cambiamento": cambio genere e autore, guardo qualche film, gioco al PC, faccio esperimenti assurdi con i libri presi in biblioteca. Ha sempre funzionato. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, uscire dalla comfort zone serve! 😉

      Elimina
  5. concordo su tutto!
    io delle volte smetto proprio di leggere oppure leggo solo pochissime pagine e poi mi dedico ad altro (serie tv). Nel giro di qualche giorno mi torna la voglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😁 certe volte attraverso fasi in cui mi blocco anche sulle serie TV e i film, pensa te!

      Elimina
  6. Anche io uso il trucco di rileggere uno dei miei libri preferiti, quando capita il blocco, di solito Harry Potter. Funziona sempre!
    Anche vedere una serie basata su un libro mi fa tornare la voglia di leggere, per sapere se succede qualcos'altro, sei i personaggi sono veramente così etc..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel consiglio! Le serie tv e i film tratti dai libri possono essere un ottimo spunto per incuriosire e ritornare a leggere ^_^

      Elimina

Vi presento...i Reapers MC di Joanna Wylde

Heilaaa, miei cari amanti delle briciole letterarie, come state? Che si dice di bello? Qui da me è tutto okay, ieri c'era un tempo tip...