venerdì 29 gennaio 2016

Recensione: Cose pericolose - R.K. Lilley (Tristan & Danika #1)

Cose Pericolose 
(Tristan & Danika #1)
di R.K. Lilley
Self-publishing
Anno 2015
Pagine 433 
Isbn: 9781628780215

La vita di Danika non è mai stata facile. Si è sempre trovata attratta dai cosiddetti bad boys e quello di sicuro non l'ha aiutata. Uno sguardo a Tristan e la sua mente evapora: quest'uomo significa Guai con la maiuscola, poco ma sicuro. Danika lo sa bene: un bad boy quello è, un problema, specie per lei. Considerata la sua storia è impossibile pensarla diversamente. Perché allora si sente così dannatamente bene? Da che si ricordi, Danika si è sempre proiettata al futuro con un solo scopo, ma Tristan le insegna come lasciarsi andare e vivere il presente e lei si innamora, perdutamente. Ecco perché l'impatto con la realtà è così devastante...



Ultimamente mi sono ritrovata ad affrontare un mini blocco del lettore davvero fastidioso e insolito: cominciavo alcuni romanzi - tra cui uno che volevo leggere da tantissimo tempo! - trovando qualcosa non andava in ognuno di essi. E mi conosco, e so che quando comincio a trovare difetti in qualsiasi cosa mi capiti sotto mano, è solo colpa mia, non del romanzo di per sè. Insomma, non era cosa. Allora mi sono buttata su questo romanzo, che a dir la verità non avrei mai letto se non fosse stato per mia sorella che praticamente trovava ogni scusa per propormelo. Della serie: leggilo-leggiloleggilo-leggilo-leggilo-leggilo. Ho preso la palla al balzo, dicendomi che se alla fine non fosse piaciuto, non mi sarebbe dispiaciuto più di tanto!
A sorpresa, Cose pericolose mi ha colpito, anche se non completamente in positivo. Nata come serie spin-off di Up in the Air di R.K. Lilley (in arrivo sui nostri scaffali prossimamente grazie alla Newton Compton), la trilogia Tristan & Danika racconta la storia parecchio disfunzionale tra i due protagonisti. Da una parte abbiamo Danika, la voce narrante, una ragazza giovane che cerca di vivere una vita normale e tranquilla, tentando di allontanare le brutte esperienze che ha vissuto suo malgrado e di non rifare gli stessi errori fatti in passato. La sua vita scorre tranquilla, fino a quando nel suo cammino non incrocia il prorompente Tristan. Che dire, appena è apparso, io come Danika, ne sono rimasta affascinata: fisico muscoloso, tatuaggi e aria da bad boy, Tristan è un uomo che emana una sensualità spiccata, e possiede un carattere forte e dominante. Se poi me lo ritrovo che mi cucina i biscotti con le gocce di cioccolato...


Le labbra piene e la bocca grande vantavano fossette micidiali, che si accentuarono quando mi sorrise a cuor leggero. Quelle fossette erano la quintessenza dei Guai… Aveva un sorriso piacevole, allegro ma comunque con una punta sinistra, una combinazione inebriante per qualcuno che ormai dava del tu ai quei famosi Guai.


Guai, ecco cosa ci vede Danika però. Tristan è troppo bello, troppo perfetto per essere vero e per non portare dietro di sè una mare di guai  e complicazioni. Ma tra i due nasce fin dal primo sguardo una forte attrazione (sono entrambi giovani, liberi e molto belli, sfido io), e non solo, anche una forte affinità mentale e caratteriale che sfocia in un'amicizia molto sincera. I due cominciano a frequentarsi, stuzzicandosi a vicenda fino a quando la passione prende il sopravvento. E tra loro sarà sesso sfrenato e disinibito, una passione che brucia più a fondo di quanto entrambi credessero possibile.
Purtroppo però una cosa Tristan l'ha messa subito in chiaro: lui non è fatto per una relazione seria e stabile con una donna. E, ovviamente, Danika comincia a provare per lui qualcosa di più, che tende la mano all'Amore con la A maiuscola. Ma saranno veri questi suoi sentimenti? O sarà l'ennesimo abbaglio?


«Non è cambiato nulla, Danika. Non sono ancora pronto a farti alcuna promessa.» Quello che sentii in quella frase - che forse avrebbe potuto esserlo un giorno in realtà - era abbastanza nonché altrettanto sintomatico per me... Mi ero innamorata profondamente e troppo in fretta.

Devo dire che la prima parte è quella che mi è piaciuta di più: tutta la fase della conoscenza, degli scherzi, e poi della scoperta del corpo l'uno dell'altra è molto bella, sensuale e avvincente. Pur essendoci alcuni stereotipi narrativi, la storia scorre che è un piacere e si fa leggere volentieri, alternandosi tra scene mooolto sensuali e altre molto intense e profonde  a livello emotivo. Merito inoltre all'autrice di aver creato due personaggi di cui si vuole davvero conoscere la storia. Purtroppo però a un certo punto, e precisamente quando entrano in campo i sentimenti veri, i due cominciano a comportarsi in maniera sconsiderata: lui mi diventa un uomo delle caverne che minaccia di uccidere qualsiasi essere maschile posi anche solo per un secondo lo sguardo sulla sua Danika; lei si trasforma in una banshee sull'orlo di una crisi isterica ogni qualvolta incrocia qualcuna delle sciacquette che sono passate nel letto di Tristan (e c'è da dire che ne sono veramente tante). Entrambi però sapevano con chi avevano a che fare, e certi comportamenti li ho trovati solo troppo stupidi e mi hanno dato davvero noia. Ovviamente tutto questo non porterà a nulla di buono, e solo alla fine, con un dramma quasi annunciato (che però l'autrice ha voluto usare, secondo me, come scusa per risolvere il conflitto precedente) i due si ritroveranno. 
Insomma, alla fine questo libro non mi è dispiaciuto, sicuramente ha un potenziale e spero solo che con i prossimi due libri - Senza limiti e Il prezzo dell'amore - Tristan e Danika non facciano qualcosa che me li faccia odiare. Per adesso tre stelline sono più che giuste per un romanzo che consiglio a chi ama gli erotic romance e le storie d'amore disfunzionali.
Tre stelle e mezzo

7 commenti:

  1. *lui mi diventa un uomo delle caverne* ahahahah vero, verissimo! Un pazzo squinternato diventa e lei come lui ecco perché stanno bene insieme. Oh pensavo che ti fosse piaciuto di più °O° però la loro gelosia rovina molto la prima parte della storia, o meglio, il pensiero che già ti eri fatto di loro. Comunque mi trovi d'accordo su tutto ma a me è piaciuto un sacco proprio per tutti i casini. ;D Non vedo l'ora di leggere il secondo per la miseria *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, stanno benissimo insieme e la loro intesa è bella da leggere, però sento già che mi faranno ammattire se continuano così quei due XD Non ci posso fare niente, quelle scene irrazionali mi fanno...uscire fuori dai gangheri XD

      Elimina
  2. Ciao Rosa!! Anch'io in questo periodo non sono riuscita a leggere proprio tantissimo ma penso che sia soprattutto per la scuola! Comunque, la trama del libro ispira ma so che non è proprio il mio genere e quindi non penso che lo leggerei, almeno non cartaceo. Ah la frase che c'è nell'immagine mi fa tanto pensare a Grey XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale!
      Eh sì, proprio un blocco fastidioso, nulla mi piaceva u.u
      Aaaaahhh, beh sì, Tristan ha una vena da dominatore :3

      Elimina
  3. Hmmm... non credo che faccia al caso mio però complimenti per la recensione :)

    RispondiElimina
  4. Hmmm... non credo che faccia al caso mio però complimenti per la recensione :)

    RispondiElimina

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...