martedì 2 febbraio 2016

Recensione: Ghiaccio nero - Anne Stuart (Ice #1)

Ghiaccio Nero
(Ice #1)
di Anne Stuart
Leggereditore
Pagine 281
Anno 2015
Isbn: 9788865085806

Chloe Underwood è un’americana a Parigi che vive di paga in paga traducendo libri per bambini, ma darebbe qualsiasi cosa per un briciolo di eccitazione e passione... e magari anche qualche brivido. Così, quando le offrono di fare da interprete per un gruppo di uomini d’affari in un castello sperduto nella campagna francese, accetta sperando di smuovere un po’ le acque. Ma all’improvviso e per puro caso scopre più di quanto avrebbe dovuto: gli imprenditori che l’hanno assunta non sono quello che sembrano, e lei si ritrova a essere una testimone scomoda e da eliminare. Prima che possa rendersi davvero conto del pericolo in cui è incappata, uno di loro, il misterioso Bastien Toussaint, la trascina via, e per Chloe ha inizio una fuga con l’uomo più tenebroso e seducente che abbia mai conosciuto. Ma quali sono le intenzioni di Bastien? E Chloe vivrà abbastanza a lungo per scoprirle? 

Volevo cominciare la serie Ice di Anne Stuart da tantissimo tempo, stavo solo aspettando il momento giusto per farlo. Ne avevo sentito parlare bene e devo dire che le aspettative non sono state deluse. L'autrice riesce a creare una storia, che a parte le prime pagine in cui parte leggermente in sordina, appassiona ed è difficile smettere di leggere. Figuratevi che io, se non fosse stato che davano in tv le nuove puntate di The Flash e Arrow, non l'avrei lasciato e l'avrei cominciato e finito in un colpo solo!
Quando si dice trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato... è quello che succede a Chloe, giovane traduttrice americana che vive a Parigi, che per sostituire all'ultimo minuto una sua amica in un lavoro di traduzione per un incontro tra privati, si ritrova in un covo di criminali della peggior specie. Le persone per cui deve lavorare non sono semplici commercianti alimentari, ma terroristi che stanno discutendo di traffico d'armi e dei nuovi equilibri di potere. Chloe è intelligente, anche se ci mette un pò a fare due più due, ma chi potrebbe darle torto? Certe cose accadono solo nei romanzi thriller, mica nella vita reale.


Era un ammonimento, una minaccia o un po’ di entrambi? E cosa diamine stava succedendo lì? In che situazione l’aveva cacciata Sylvia?
Erotismo e avventura, si rammentò. Per il primo le era più che sufficiente guardare Bastien, e l’avventura non faceva esattamente al caso suo. Ma trascorrere lì un fine settimana poteva essere abbastanza piacevole e sarebbe stato assurdo pensare di essere in pericolo. Si trovava in Francia, attorniata da seri, normalissimi uomini d’affari.
Aveva letto troppi thriller.

Ed è così che Chloe si ritrova in pericolo. Tra i primi a essere catturati dalla sua presenza, c'è Bastien Toussaint, misterioso e raffinato amante dei piaceri della vita, soprattutto delle belle donne. Ma Bastien non è il suo vero nome, ed è certo che non lavora per i cattivi. Bastien è un killer che ha un compito importante da portare avanti. E poco gli interessa se per raggiungere il suo obiettivo Chloe ci rimetterà la vita. I danni collaterali in un lavoro come il suo sono inevitabili.
Però qualcosa colpisce Bastien nell'intimo, in quella parte di lui che da un pò di tempo sentiva il peso di un lavoro sempre a rischio  e sul filo del rasoio, che in nome di "un bene superiore" ammette troppo di frequente la morte di persone innocenti.
Non vi dirò di più, tranne che la Chloe si troverà catapultata in un mondo che nasconde pericoli in ogni angolo. Tra fughe all'ultimo respiro, tradimenti e nascondigli improbabili, la vita della giovane sarà legata a doppio filo a quella di Bastien, l'unico che può tenerla al sicuro, volente o nolente. E se tra i due c'è una propensione naturale che li spinge l'uno nelle braccia dell'altro, le cose si faranno ancora più difficili non solo per la loro salvezza, ma anche per il cuore e i sentimenti... E forse, questa volta, non si tratta semplicemente della sindrome di Stoccolma.

«Mi hai salvato la vita più volte, ci siamo trovati insieme, senza volerlo, in una situazione decisamente critica e già prima che le cose si mettessero male provavamo una reciproca attrazione fisica... o quantomeno mi hai fatto pensare che fosse reciproca... quando ti ha fatto comodo» precisò. «Quindi è normale che ora come ora mi senta... vincolata. Si risolverà non appena sarò lontana e al sicuro.»
«Vincolata?»
Non c’era modo di cavarsela decorosamente e rinunciò a girarci attorno. Bastien cercava di metterla in imbarazzo ma lei poteva rendergli pan per focaccia. Lo fissò negli occhi, impavida. «Sei il mio paladino, il mio eroe, il mio angelo custode. Almeno per il momento. Poi passerà.»
L’espressione divertita era scomparsa dalla faccia di lui. «No, non è vero. Né paladino, né eroe, né angelo. Sono un killer e sto semplicemente svolgendo il mio compito. Farai bene a non dimenticarlo. E per me sei solo una palla al piede.»
«Allora perché mi trovo qui?»
«Perché non riesco a liberarmi di te.»

Devo dire che Bastien appartiene alla categoria di quei personaggi ammalianti  e seducenti che mi piacciono tanto. Misterioso e inafferrabile, non si capisce mai del tutto se sia buono o cattivo. Sappiamo solo che è un killer senza scrupoli, anche se l'incontro con Chloe lo fa sciogliere suo malgrado. Tranquilli però, non è che mi cambia completamente dall'oggi al domani grazie al potere indiscusso dell'ammmore.
Come stile l'ho trovato adatto alla storia, molto scorrevole e avvincente. L'autrice non ci risparmia scene forti e violente. Due cose solo non mi sono piaciute, però. Una, e ci ho fatto caso solo a fine lettura, è che Chloe è molto presente a livello interiore, come analisi delle sue emozioni e pensieri, ma fisicamente per l'intera storia non fa molto se non tradurre cose che non dovrebbe, scappare al momento più sbagliato, andare in stato di shock per ore e... dormire. Okay, non intendete male le mie parole, Chloe qualcosa la fa, però col sennò di poi l'avrei voluta più presente, soprattutto nella parte finale. E proprio nel finale, adrenalinico e valevole delle aspettative create durante la lettura, se ci fosse stato quel capitolo in più o un epilogo conclusivo per tirare chiaramente le fila del discorso, sarebbe stato assolutamente perfetto. Ecco perchè mezza stellina in meno.
Per concludere quindi vi consiglio assolutamente di recuperare il romanzo! E senza dubbio ho intenzione di leggere l'intera serie, che conta sei volumi in totale, di cui quattro (Ghiaccio nero, Freddo come il ghiaccio, Cuore di ghiaccio, e Tempesta di ghiaccio) sono stata già tradotti e pubblicati dalla Leggereditore. Non vedo l'ora di scoprire le altre avventure e i nuovi personaggi! :3
Quattro stelle e mezzo

21 commenti:

  1. Assolutamente da aggiungere alla mia wishlist!!! Mi ha ricordato i ritmi serrati di telefilm stile Alis, dove non potevi mai abbassare la guardia e gli intrighi erano ad ogni angolo!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, mi ricordo Alias! Sì, direi che il paragone è calzante ^^ Non vedo l'ora che lo leggi, così mi dici se ti è piaciuto! ;)

      Elimina
  2. Mi incuriosisce moltissimo! *_* L'unica cosa a frenarmi è il fatto che faccia parte di una serie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ma non preoccuparti, puoi leggerlo anche come stand alone, poichè i seguiti parlano di altre coppie e nuove avventure, anche se legate ovviamente dallo stesso "universo" ;)

      Elimina
  3. Molto, davvero MOLTO interessante! Attenderò qualche recensione sul resto della serie, per capire se migliora, facendo "fare qualcosa" anche a Chloe, oppure se si appiattisce del tutto. Di certo terrò d'occhio la cosa! grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ;) Da quello che ho letto in giro, la serie merita! Anche se, come dicevo sopra, gli altri libri hanno altri protagonisti, quindi non so s e Chloe riapparirà o meno...

      Elimina
  4. Ciao Rosa :*
    Questo libro l'ho visto per un paio di settimane su un sito, incuriosendomi tanto. La tua recensione mi ha convinto e credo proprio che lo aggiungerò in wishlist :D
    E poi, per una volta, la cover italiana mi piace molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusy! Mi fa davvero piacere sentirtelo dire! Secondo me ti piace... e si, la cover non è affatto male. Peccato che quelle dei seguiti, pur essendo quasi simili, non mi convincono affatto u.u

      Elimina
  5. Ciao, Rosa! Questa è una serie che voglio iniziare da moltissimo, amo i romantic suspense e avevo adocchiato questi libri già con le vecchie copertine, poi la serie era stata interrotta e l'avevo lasciata un po' in disparte, ma ora mi hai fatto tornare la voglia di leggerla *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me qui non c'è il rischi di serie interrotta, ne mancano solo due e la Leggereditore non credo si farà scappare le lettrici in questo modo (almeno spero u.u). Recuperala appena puoi, merita tanto ;)

      Elimina
  6. Dalla trama sembrava interessante... un giallo ma con risvolti passionali. poi adoro i personaggi che non si riescono a inquadrare... a volte pensi che siano cattivi, altri buoni.
    ma è grazie alla tua recensione che mi hai convita!
    inizierò a leggere questa serie, merito anche dei seguiti già pubblicati ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contentissima che lo leggerai! Tienimi aggiornata ;)

      Elimina
  7. Ero davvero curiosa di leggere la tua recensione ed ora sono ancora più curiosa di leggere il libro! E mi sono già presa una cotta per Bastien :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Awwww :3 Sappi però che Bastien è già preso :D Non vedo l'ora di sapere il tuo parere!

      Elimina
  8. Devo ammettere che la tua recensione ha risvegliato in me la curiosità verso questo libro che avevo comprato tempo fa in versione ebook, ma che poi avevo accantonato nei meandri del mio e-reader! Complimenti per la recensione! Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maria! Eh già, uno dei rischi degli scaffali virtuali è dimenticarsi degli ebook che aspettano di essere letti! Sapessi quante volte capita a me :D Curiosissima di sapere che ne pensi!

      Elimina
  9. Avevo iniziato a leggere "Ghiaccio nero" un annetto fa ma lo stile non mi convinceva molto così avevo deciso di accantonarlo. Però ha quel twist di suspanse che continua a stuzzicarmi ^^ Speriamo che la Leggereditore non interrompa anche la pubblicazione di questa serie :/ Mi sono legata al dito le vicende editoriali della povera Troubleshooters. Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, non mi nominare la Troubleshooters, per favore T^T Ho deciso che mi darò alle letture in lingua come se non ci fosse un domani.
      Uhm, diciamo che l'inizio è un pò lentino, ma tempo due capitoli e si ripiglia che è una favola. Leggilo, dai, per me ti piace da matti :D

      Elimina
  10. Trovo che sia ottimo iniziare una serie quasi completata ^-*
    Stavo aspettando la tua recensione ma mi avevi convinta con poche parole quando ne abbiamo parlato nei commenti. Sono sempre stata in dubbio su questo libro e non avevo ben chiara il quadro della storia, ma adesso che ce l'ho so che non me la lascerò sfuggire. Come sai amo questo genere di libri però non mi aspettavo una protagonista così poco attiva. °O° Ma sticavoli! Lo leggerò! Bella recensione, Rose sempre molto convincente -_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, vedrai che non ti deluderà, fidati di me ehehe :D
      Chloe è un pò imbambolata, però da un lato la comprendo, poichè si trova in una situazione totalmente estranea per lei, non è che si può armare e abbattere i nemici manco fosse una samurai X"D Insomma, ci sta, ed è comunque una riflessione che ho fatto a fine lettura. Non vedo l'ora di sapere che ne pensi V.! :D

      Elimina

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3