venerdì 4 novembre 2016

Recensione: Cuore di ghiaccio - Anne Stuart (Ice #3)

Cuore di ghiaccio 
(Ice #3)
di Anne Stuart
Leggereditore
Anno 2015
Pagine 312
Euro 12,90

La curatrice museale Summer Hawthorne ha sempre considerato la splendida coppa in porcellana azzurra regalatale dalla sua tata giapponese un tesoro dal valore solo sentimentale, finché qualcuno non la rapisce e tenta di ucciderla pur di averla. Per fortuna l’agente Takashi O’Brien è lì per salvarla. O almeno così sembra. In realtà, O’Brien lavora per il Comitato, un’associazione segreta che ha il compito di monitorare gli equilibri mondiali. Il Comitato sa che quella coppa è un reperto dal valore inestimabile e potrebbe innescare una lotta di potere di dimensioni globali. Gli ordini sono chiari: chiunque è sacrificabile, purché la missione venga portata a termine. Il Comitato sa anche che nella memoria di Summer è custodito un ricordo, un segreto che nelle mani sbagliate potrebbe portare la morte di centinaia di persone. A O’Brien non resta che uccidere la donna, in modo che il segreto si estingua con lei. Ma a frapporsi tra lo spietato agente e la sua missione, che si snoda dal Pacifico alle alture del Giappone, giunge un sentimento inaspettato, che porterà O’Brien a usare ogni risorsa pur di proteggere l’unica donna che abbia mai scaldato il suo cuore di ghiaccio. 
proteggere l’unica donna che abbia mai scaldato il suo cuore di ghiaccio.

Sono sicura che sia capitato anche a voi, di sentirsi svogliati e con poco voglia di leggere. O magari di essere incontentabili, cominciare tre, quattro libri uno dopo l'altro senza sentire la curiosità di continuare la lettura, e non necessariamente si tratta di libri brutti. Capita, no? Ecco, quando mi sento così io ricorro a generi e autori/autrici che so al cento per cento mi piaceranno, scongiurando il timore di delusioni o aspettative disattese o di entrare nel tunnel del blocco del lettore.
Anne Stuart rientra in questa mia speciale comfort zone, e con questo volume della serie Ice - il terzo, ho saltato di leggere il secondo, Freddo come il ghiaccio, ma non è un problema, in quanto tutti sono stand-alone -  è riuscita a darmi tutto ciò di cui sentivo il bisogno al momento giusto: una bellissima storia d'amore appassionante tra due personaggi intriganti e ben costruiti, il tutto condito da un pizzico di adrenalina e azione e con un Happily Ever After da batticuore. Cuore di ghiaccio mi ha dato tutto questo e ovviamente, mi è piaciuto tantissimo.

Avrebbe potuto soggiogarla completamente. Avrebbe potuto assoggettarla, farle fare qualunque cosa le avesse ordinato, eppure lei non aveva la minima idea di quanto fosse vulnerabile. Taka invece riusciva a percepirlo, vederlo, sentirlo. Era abituato a donne che lo desideravano. Ciò che lo scioccava era il fatto che anche lui desiderasse lei.

Summer Hawthorne è una curatrice museale dall'aspetto anonimo, che dà poco nell'occhio. Una donna dalla vita tranquilla che verrà scossa nelle sue fondamenta per via di un'urna lasciatale in eredità dalla sua vecchia tata giapponese. Un urna che oggettivamente non vale chissà quanto, ma che possiede un grosso valore affettivo per Summer, perchè le ricorda l'unica persona che l'ha protetta quand'era una bambina indifesa e che le ha mostrato cosa volesse dire essere amare e amati.
Purtroppo per lei, però, in molti vogliono mettere la mani su quell'antico manufatto: da un parte c'è lo Shirosama, il guru spirituale della Confraternita della Vera Comprensione, che ne ha bisogno per mettere in atto il suo folle piano di epurazione del male del mondo; dall'altra c'è Takashi O'Brien, incaricato dal misterioso Comitato, di fermare lo Shirosama con qualsiasi mezzo possibile. Il compito di Taka è semplice, evitare l'inizio di quello che non è altro che una distruzione di massa a opera di una organizzazione illegale, e Taka è intenzionato a fare di tutto per evitare una cosa del genere. Anche eliminare la stessa Summer, se dovesse essere necessario.
Queste sono le premesse di Cuore di Ghiaccio, e per una volta trovo azzeccatissimo la traduzione del titolo, che identifica alla grande il carattere dei due protagonisti.
Se difatti Taka incarna la figura dell'uomo freddo dai mille talenti, un agente segreto dalle diverse risorse che uccide senza scrupoli ed esegue diligentemente gli ordini che gli vengono impartiti senza pensarci due volte, lo stesso vale per Summer, una donna che è chiusa in una corazza di calma apparente e diffidenza, che non piange da anni perchè sa benissimo che le lacrime non servono a nulla, se non a mostrarsi vulnerabili. E lei non può mostrarsi vulnerabile.
Il destino incrocerà le vite di Taka e Summer, e tra diffidenze reciproche e tentativi falliti di scappare e uccidere, tra i due si crea un legame via via più potente e intimo, qualcosa di caldo e intimo che scioglierà poco a poco i loro cuori di ghiaccio, come il bellissimo epilogo finale ci mostra chiaramente. Davvero, lì ho avuto il batticuore come non mi succedeva da tempo.

La sua prudente esistenza era stata mandata in frantumi, invasa, corpo e anima, dall’affascinante uomo che dormiva nella stanza accanto. L’uomo che le aveva mostrato di cosa era capace il suo corpo, quando lei invece avrebbe preferito non saperlo. L’uomo che l’aveva salvata, minacciata, aveva distrutto ciò che lei aveva amato e le aveva portato via il resto. L’uomo che pensava a lei come a una missione e niente più, che usava il sesso come un’arma, che uccideva senza alcun rimorso. L’uomo che l’indomani l’avrebbe mandata via senza più pensare a lei.

In una parola questo romanzo è meraviglioso! Sì, a livello di intreccio di base l'evoluzione della storia d'amore ricorda un po' quella di Ghiaccio nero, ma al di là delle somiglianze, ho trovato Summer una protagonista più forte e a suo modo più attiva di Chloe, mentre Taka è affascinante come Bastien, ma su un livello diverso e altrettanto appassionante. La parte romantic è intensa e decisamente sensuale, mentre quella suspense è ottima, tra intrighi e travestimenti degni del miglior film o telefilm spionistico che abbiate mai visto. Lo stile scorrevole che non tralascia di seguire tappa per tappa lo scioglimento dei ghiacciai e l'innamoramento dei due protagonisti. Insomma, un romanzo d'amore e azione per le amanti della serie dell'autrice e per coloro che sperano che l'amore nasca anche nelle situazioni più pericolose e letali.
Quattro stelle e mezzo

7 commenti:

  1. Ecco, questa è una delle mille serie ancora da recuperare, ma tu mi devi spiegare il perché hai saltato il secondo. Sei incredibile ;D
    Ammappa la storia è una bomba, voglio dire che mi piace tanto sopratutto la parte suspense. La cover originale è stupenda, mi fa pensare proprio al Giappone *-*
    Per quanto riguarda il blocco del lettore capita anche a me Rosellì, la voglia a volte proprio non c'è >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo volume l'avevo cominciato subito dopo il primo, ma non mi stava prendendo.. così l'ho saltato XD A me è piaciuto veramente tanto, l'action l'adrenalina, il mistero di quella cavolo di urna, e poi ovviamente Taka, awww *.* Te lo devi leggereeee

      Elimina
  2. Punto il primo libro di questa serie da una vita e ogni tanto tu mi torturi, ricordandomi della sua esistenza... ma prima o poi riuscirò ad iniziarlo!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm, e poi adesso con il P10B la vedo duraaa XD

      Elimina
    2. In realtà dovrei farcela comunque... ho il primo libro in originale, me ne sono accorta con la dovuta calma, ma sono riuscita a fare il collegamento, sul Kobo, quindi potrei anche riuscirci... o almeno lo spero, perché sto morendo di curiosità!!!!!

      Elimina
  3. Rosa, sono ancora ferma al primo ma conto di recuperare la serie, il primo volume mi è piaciuto molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me! *.* Il secondo penso comunque di recuperarlo, ma prima voglio leggere la storia di Reno, ilcugino di Taka ;)

      Elimina

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3