domenica 6 aprile 2014

Recensione film: London Boulevard

di William Monahan, con Colin Farrell, Keira Knightley, David Thewlis e Ray Winstone (2010) 

Sono pochi i film che, guardando il trailer, mi fanno dire: “Devo assolutamente vederlo!” Questo è uno di quelli.
E no, non centra niente il fatto che il protagonista sia interpretato da quel bel pezzo di gnocco, ehm volevo dire attore, di Colin Farrell. E che la protagonista femminile sia Keira Knightley, attrice che mi piace molto, anche se è secca peggio di un chiodo.

Tratto dal romanzo omonimo di Ken Bruen, del quale ho già messo in wish list un’altro dei suoi scritti, Prima della notte, il film si svolge a Londra e racconta la storia di  Mitchell, un ex galeotto che fa di tutto per restare fuori dai traffici criminali, lavorando come guardia del corpo per Charlotte, un’attrice in depressione che non vuole più recitare e costantemente inseguita dai paparazzi. I due finiranno con l’innamorarsi, ma purtroppo per il nostro Mitch, i guai non vogliono lasciarlo in pace.


Mitchell ^-^

Prima di tutto un bulletto con i suoi amici picchia a sangue fino alla morte un suo amico homeless, e quindi Mitch progetta di vendicarsi dandogli il ben servito.
Poi, viene coinvolto dal suo amico Billy in un giro di riscossioni per conto di Grant, capo di una banda criminale, e durante una delle operazioni finisce per essere pestato dai membri di un'altra banda.
Si ritrova inoltre a essere “corteggiato” (non ho scelto a caso questo verbo eh) proprio da Grant, il mafioso che vuole a tutti i costi coinvolgerlo nei suoi traffici illeciti.
Mitchell rifiuta e, in seguito a una serie di circostanze, si arriva a quello che io definisco tu-lo-uccidi-a-me-io-lo-uccido-a-te.

Charlotte e Jordan
Nelle vicenda sangue chiama sangue Mitchell viene aiutato da Jordan, il tutore/amico perennemente strafatto di Charlotte (impersonato niente popo di meno che da David Thewlis, già Remus Lupin nella saga di Harry Potter), che aveva subito delle minacce da parte di Grant. 

Fino al sorprendente finale, che ci fa ben sperare in un futuro tranquillo per Mitch a Los Angeles con la bella Charlotte, e che invece ci lascia letteralmente a bocca aperta.
London Boulevard è una storia di redenzione e vendetta. Consigliatissimo.

Giudizio: 8/10

Curiosità: la colonna sonora bella e accattivante, soprattutto il pezzo ritmico che accompagna il finale (e che finale), Heart full of soul degli The Yardbirds.

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3