venerdì 8 aprile 2016

Recensione: La moglie del Califfo - Renèe Ahdieh (The Wrath and the Dawn #1)

La Moglie del Califfo 
(The Wrath and the Dawn #1) 
di Renèe Ahdieh 
Newton Compton Editori
Anno 2016
Pagine 384
Isbn: 9788854190115

Al calar del sole sul regno di Khalid, spietato califfo diciottenne del Khorasan, la morte fa visita a una famiglia della zona.
Ogni notte, infatti, il giovane tiranno si unisce in matrimonio con una ragazza del luogo e poi la fa uccidere dopo aver consumato le nozze, prima che arrivi il nuovo giorno. Ecco perché tutti restano sorpresi quando la sedicenne Shahrzad si offre volontaria per andare in sposa a Khalid. In realtà, ha un astuto piano per spezzare quest’angosciosa catena di terrore, restando in vita e vendicando la morte della sua migliore amica e di tante altre fanciulle sacrificate ai capricci del califfo. La sua intelligenza e forza di volontà la porteranno a superare la notte, ma pian piano anche lei cadrà in trappola: finirà per innamorarsi proprio di Khalid, che in realtà è molto diverso da come appare ai suoi sudditi. E Shahrzad scoprirà anche che la tragica sorte delle ragazze non è stata voluta dal principe. Per lei ora è fondamentale svelare la vera ragione del loro assurdo sacrificio per interrompere una volta per tutte questo ciclo che sembra inarrestabile.

Non vedevo l'ora di leggere questo fantasy, un romanzo consigliatissimo tra i lettori che già l'avevano letto in inglese, e perciò avevo delle aspettative un po' altine. Purtroppo sono rimasta delusa, o meglio insoddisfatta. Mi aspettavo un certo livello, una storia avventurosa, magica e misteriosa e perchè no, pure sensuale, e non ritrovare ciò che mi aspettavo da queste pagine mi è dispiaciuto un sacco. Per tutta la lettura mi sono portata addosso una sensazione strana, da una parte mi piaceva ciò che leggevo, dall'altra c'era qualcosa che non filava, un insieme di piccoli dettagli che non mi sono piaciuti affatto. Perdonatemi se sarà una recensione più lunga del solito, ma volevo ben esplicare le ragioni per cui sono rimasta insoddisfatta.
Vi dico prima quello che ho apprezzato di più: sicuramente l'ambientazione orientaleggiante, che il lettore vede fin da subito, una scenografia ricca e sontuosa che si percepisce con ogni parola. Merito anche della penna dell'autrice che è capace di creare la suggestione senza però appesantire la lettura con lunghe e noiose descrizioni. Soprattutto nelle scene di spessore emotivo, l'autrice è riuscita a colpirmi al cuore con una delicatezza e con una forza impensabili. Anche nella caratterizzazione dei personaggi, è stata veramente brava a delineare ogni interprete in poche mosse. Tra tutti ho preferito Khalid, perchè, che ci volete fare, gli animi tormentati da dolore profondo sono i miei preferiti. Questo giovane Califfo che deve guardarsi dai nemici e dalla maledizione che lo obbliga a recidere così tante giovani vite mi è entrato nel cuore. Tra quelli che avrei volentieri cancellato invece c'è Tariq, il grande uomo che perde le staffe ogni due per tre, e anche Despina l'ho trovata inconcludente, mai vista una serva, una schiava come dice lei stessa di essere, essere così maleducata con una sua padrona. La protagonista Sharhzad, invece merita un capitolo a parte.

«Ha sofferto moltissimo e mi distrugge sapere che di conseguenza infligga dolore ad altri. Mi tormenta, perché non è il modo di agire del ragazzo che conoscevo. Ma così come voi siete giovane, io sono vecchio, e alla mia età la saggezza diventa meno un diritto di nascita e più un’aspettativa. Nella mia vita, l’unica cosa che ho davvero imparato è che nessuno realizza il meglio di sé senza ricevere amore. Non siamo fatti per vivere da soli, Shahrzad. Più una persona allontana gli altri, più diventa chiaro che ha bisogno di essere amata».

Passiamo a cosa non mi è piaciuto: innanzitutto il finale.
Quello non è un finale e nemmeno un cliffhanger. Quello è un troncamento, è il prendere una storia e tagliarla a metà, proprio quando le cose si fanno più movimentate, cosa che mi fatto storcere il naso e mi ha lasciato la bruttissima sensazione che l'autrice abbia allungato il brodo solo per far uscire un secondo libro. Perchè, diciamola tutta, non è che succede moltissimo in questo volume pur essendo ben 384 pagine. Il mistero viene risolto in un solo capitolo e il focus è comunque sulla storia di insta amore. Come retelling non lo so, è come se fosse stato solamente il pretesto "pubblicitario" per raccontare l'ennesimo fantasy in salsa young adult: alla fin fine non ha apportato nulla di nuovo alla storia originale. 
Mi è sembrato che l'autrice non avesse voluto forzare la mano: il Califfo ci viene presentato come sanguinario e perfido, ma a parte sposare le figlie delle famiglie del suo Khorasan per poi ucciderle la mattina dopo (cosa non da poco, lo posso capire) non ci viene mostrato nulla. Non una rivolta sedata nel sangue o delle uccisioni senza senso che giustificassero una tale nomea. Nada. Un po' di viva azione, sangue e violenza non avrebbero fatto male. 
Idem per il sesso, a stento si capisce che le nozze vengono consumate, e non lo dico perché sono maliziosa, ma perchè più avanti tra Shahrzad e Khalid nascono dei sentimenti, e il sesso viene vissuto in modo diverso, ora che è voluto da entrambi in modo sincero e genuino. Perchè non ha esplicato queste differenze? Avrei inoltre preferito che i personaggi avessero qualche anno in più, perchè Shahrzad mi è sembrata una ammaliatrice improbabile. Non ho mai letto Le mille e una Notte, ma immagino che per salvarsi la vita la Sherazade originale avrebbe dovuto essere ammaliante e seducente con le parole e il suo carattere misterioso, e non solo con il corpo ovviamente. Tutte queste cose non le ho viste, la nostra eroina è una banderuola al vento, prima odia con tutta se stessa Khalid e si erge a giudice, giuria e boia del Califfo, e un attimo dopo si è innamorata del mostro che avrebbe dovuto uccidere. In questo caso, devo dire che anche per Khalid è lo stesso. Tra i due scoppia l'amore quello con la A maiuscola, ma io questa scintilla non l'ho vissuta, è successo solo perchè così doveva essere. Le rivolte politiche e le congiure sono le parti più lente, e praticamente nascono da un nulla di che; c'è poi l'elemento magico che sinceramente non ho capito a che servisse, se non per giustificare la maledizione di Khalid. 
Insomma un romanzo che mi ha lasciata con un senso di insoddisfazione latente molto forte. Do solo tre stelline perché comunque c'è molto potenziale non del tutto sfruttato, e spero e prego che nel seguito che uscirà ad Agosto, The Rose and the Dagger, la storia, se non altro, si concluda come si deve.
Tre stelle

36 commenti:

  1. Attendevo questa tua recensione! Come sai, a me è piaciuto, ma sicuramente non è il capolavoro che mi aspettavo. La parte che meno mi è piaciuta è l'inizio. Quanto è irreale la sfacciataggine di Sharzad? Fossi stato Khalid una del genere l'avrei ammazzata subito (xD) mentre fossi stata lei avrei avuto un pizzico di buon senso e mi sarei comportante bene per vivere più a lungo! Di Despina poi non ne parliamo..
    Stessa cosa per quanto riguarda l'instalove iniziale. Sicuramente nelle pagine successive l'ho trovato più piacevole, come del resto la storia, nonostante succeda ben poco. Altro elemento di delusione è il riferimento alle Mille e una notte. Speravo che Sharzam avrebbe raccontato storie più a lungo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti, una lingua lunga! Cavolo, è il sanguinario Califfo, un pò di tatto, no eh u.u Che poi si fa pure sgamare da subito, ad esempio con il tiro con l'arco, alla faccia della riservatezza del compito.
      Anche io mi aspettavo qualche altra storia in più, come retelling lascia a desiderare :(

      Elimina
  2. L'ho preso da pochissimo anche io, visto che ne parlano ovunque. Ho iniziato a sfogliarlo pensando solo: speriamo non mi deluda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anche io. Poi mi dici!

      Elimina
  3. Credo che questa sia la prima recensione non completamente positiva che leggo. Comunque anche se a me è piaciuto tantissimo, sono d'accordo con te sul finale. E' un'interruzione piuttosto brusca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono rimasta proprio male, pur sapendo che c'era un finale a metà. Ma cavolo, così proprio non me l'aspettavo mica ç__ç

      Elimina
  4. Complimenti per la recensione. Ho il libro in WL, ma le recensioni un po' troppo entusiaste mi convincevano poco (statisticamente, quando un libro piace a tutti a me finisce per non piacere XD). La tua che mette in luce qualche difetto mi ha convinta ha leggerlo quando finisco uno di quelli che sto leggendo al momento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Kate ^^ Ho visto su Goodreads che l'hai cominciato, a questo punto sono curiosa di sapere la tua. Poi mi dici ;)

      Elimina
  5. Anche io ho letto da poco questo libro e la penso come te! tanto potenziale poco sfruttato! mi è piaciuta tanto però l'ambientazione **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sentire che la pensiamo uguale, Leda ^^ L'ambientazione è bellissima, però peccato per il resto :(

      Elimina
  6. Sarà che non mi ispira molto nemmeno l'ambientazione, ma leggendo anche la tua opinione non troppo convinta penso che non sarà tra le mie prossime letture anche se l'ho preso in offerta in ebook.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se l'hai preso oramai è fatta... magari leggerlo senza aspettative è il modo migliore di approcciarsi :/

      Elimina
  7. Ero proprio indecisa su questo libro. La storia di per sè è bella ma se il potenziale non è stato sfruttato a dovere mi sembra una complicata storia d'amore senza sentimenti. Comunque ottima recensione!
    Ti ho nominato al link party organizzato da La soffitta di Amelia. Spero ti piaccia. Ciau^_^ http://lasoffittadiamelia.blogspot.it/2016/04/link-party-giveaway-birthday-blog.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, però almeno i sentimenti ci sono. Certo, c'è l'insta-love, ma se chiudi un occhio su questo, la parte emozionale è molto bella davvero.
      Non so se riuscirò a partecipare al linky party, ma grazie lo stesso per l'invito ^^

      Elimina
  8. Ummm e io che pensavo fosse un libro perfetto... Però sono dell'idea che lo leggerò comunque ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è perfetto, anzi U.U Poi sono curiosa di sapere la tua opinione!

      Elimina
  9. Quando un libro è troppo bello, c'è qualcosa che puzza -.-'' Avevo già letto il fatto che la protagonista s'innamorasse dall'oggi al domani. Poteva essere un bellissimo libro intriso di sacrifici in nome della vendetta, qualcosa di forte e serio, ma da come lo hai recensito mi sembra tutto il contrario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai centrato il punto, poteva essere e invece... tanto ottimo potenziale poco sfruttato, peccato u.u

      Elimina
  10. Prima che uscisse in Italia, pensavo fosse un capolavoro mentre, adesso, non ne sono sicura per niente! Pensavo di prenderlo subito ma ora non so se voglio leggerlo cartaceo.. magari in ebook più tardi. E dire che mi ispirava davvero così tanto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe anche capitare che a te piaccia di più di me, però secondo me no :/ Però magari leggilo in ebook, poi mi dirai... Ispirava tanto anche me :(

      Elimina
  11. Ciao Rosellì ^-^ mizzeca che recensione! Diciamo che sono d'accordo con te su tutto solo che ho vissuto il libro in maniera diversa. Nel senso che tu hai completamente ragione sui difetti e i pregi però, sarà stata l'ambientazione orientaleggiante, io l'ho vissuto un pochettino meglio. Non mi ha particolarmente scocciato l'età dei protagonisti quanto il loro modo di agire su alcune cose. Aveva tanto ma tanto potenziale purtroppo sfruttato male. Mi aspettavo anch'io tanta azione ma nada de nada e poi hai ragione sulle scene di sesso! Ma che era quello? Un "si capisce/non si capisce" bah. A me poi Tariq mi è piaciuto tanto però gli hanno dato un ruolo antipatico, da terzo in comodo. Insomma per me i personaggi c'erano ma usati mali, ma devo dire che nemmeno io ho letto Le mille e la notte quindi boh. Insomma bah boh sto libro è strano ma non l'ho trovato malaccio solo che l'autrice poteva fare mooolto di più ;D
    Despina faceva venire i nervi anche a me ma doveva servire a scuotere quella noiosa di Shahrzad ^-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono rimasta maluccio :/ Tariq parte e va all'avventura, senza riflettere prima di agire, non mi è piaciuto per nulla. Idem Despina :( Jalal invece mi intrigava un sacco! Sono d'accordo, l'autrice aveva del bel materiale, una penna all'altezza e non ha saputo sfruttarlo per creare un romanzo indimenticabile. Peccato!

      Elimina
    2. Jalal lo amo *-* ma povero Tariq. Quello parte a salvare immediatamente la sua amata cos'altro poteva fare? Io l'avrei lasciata lì -_-

      Elimina
  12. Complimenti per la recensione! Direi che mi ci ritrovo moltissimo, anch'io avevo aspettative altissime e ne sono rimasta un po' delusa. Sicuramente in parte è per le aspettative che avevo, ma in parte è anche per tutte le cose che hai sottolineato tu (ad esempio il fatto che Tariq non sembri per nulla il mostro che descrivono (uccisione di dolci fanciulle a parte) e certe cose avrebbero dovuto essere spiegate qua, anche se probabilmente troveranno una soluzione nel prossimo libro. Però perché scrivere due libri quando ne basta uno? Non è che sia contraria alle serie (direi che è abbastanza ovvio) ma quando allungano il brodo non mi piace per niente). Comunque gli ho dato un voto un po' più alto, alla fine, perché come retelling mi è piaciuto e lo stile dell'autrice mi ha conquistata in certe parti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso mi ha dato parecchio fastidio che si debba aspettare un seguito, perchè c'era eccome lo spazio per concludere la storia tutta in un unico volume u.u Di più di tre stelline non me la sono sentita da assegnarle, perchè troppo mi ha deluso, poco invece quello che mi è piaciuto. Se valesse la pena, mi rifarò con il seguito (e si spera ultimo volume!).

      Elimina
  13. I love your blog!
    Do you want to support each other's blog by following each other?:) Please let me know if you do so I can follow you right back x

    xoxo, Nastya

    MY BLOG NASTYA DEUTSCH
    INSTAGRAM

    RispondiElimina
  14. Ciao Rosa! A me è piaciuto molto, solitamente rimango un po' delusa dai retelling e credo che questo sia il migliore mai letto finora! Aspetto il seguito con molte aspettative =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess! Beh, mi fa piacere sentirlo... io con i retelling mi trovo sempre bene invece, però questo non mi ha convinto fino infondo :/ Aspettiamo il seguito!

      Elimina
  15. Finalmente ho letto la tua recensione! Allora, io non l'ho percepito proprio come instalove anche se ammetto che neanche io avevo capito subito che avevano consumato la prima notte, ho riletto due volte e mi sono detta, ma che, neanche un accenno al fisico di Khalid?! Soprattutto, come sarà messo dalla vita in giù? Una lettrice deve sapere tutto per filo per segno ;P AHAHAHAHAHAH Ora che Shazi non è più dove è mi immagino il libro più movimentato e sicuramente ci sarà la componente magica più predominante dove qui è stata solo accennata.. Tariq pareva più uno a cui gli avessero rubato la Barbie delle feste.. pessimo .-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, la prima notte non si capisce un tubo XD Si perde in mille dettagli nei vestiti, gli odori, i palazzi ecc ecc, e poi alla ciccia buona, nada XD Sicuramente sì, il seguito avrà più action, almeno spero, però secondo me poteva condensare tutto in un solo volume u.u
      Giustissimo! Tariq proprio non mi è piaciuto, per nulla proprio.

      Elimina
  16. Finalmente posso leggere la tua recensione! Che dire... sono d'accordo! Nonostante a me sia piaciuto, hai evidenziato tutti i punti deboli della trama, e ce ne sono parecchi. Però ammetto che questa volta ho voluto chiudere gli occhi sui difetti e concentrarmi sui pregi, che non sono pochi. Evidentemente l'ho letto in una giornata buona. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente si ^^ Sono contenta che ci troviamo d'accordo comunque... avrei potuto chiudere un occhio anche io, ma ero così insoddisfatta e dispiaciuta che non me la sono sentita u.u

      Elimina
  17. Ciao, ma che bella recensione!
    Io ho da poco finito di leggere questo libro e devo dire che non sapevo assolutamente che voto dargli (trovi la mia recensione qui ), perché ci sono molti aspetti positivi, come il world-building, Khalid, Despina e Jalal che ADORAVO LETTERALMENTE, la vita di corte e altri piccoli dettagli che erano assolutamente meravigliosi, contrastati da elementi diversi, come la magia buttata a caso, personaggi importanti non caratterizzati, quasi istant-love e Shahrzad soprattutto che invece non ho proprio retto.
    Un libro controverso, ecco, ahah.
    Un abbraccio,
    Rainy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rainy ^^ Concordo con te su tutto - tranne Despina che a me stava antipatica da morire - e Jalal è un personaggio che ha molto potenziale! *.* un romanzo che come dici tu, è controverso, ha molto potenziale ma non tutto è stato sfruttato al meglio. Passo a leggerti subito ^^

      Elimina

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3