lunedì 18 aprile 2016

Recensione (mini): Kantstrasse Bar - Maria Milani

Kantstrasse Bar 
di Maria Milan
Self-publishing 
Pagine 97 
Euro 0,99 (ebook); 8,41 (cartaceo) 
Uscita 16 Marzo 

Matilde, anziana zia tedesca, muore in circostanze misteriose e lascia in eredità il suo bar e la sua abitazione di Berlino alle sue uniche nipoti italiane, le gemelle Giada e Miriam. Le ragazze partono per Berlino per riscuotere l'eredità, ma qualcosa va storto. Quando Miriam sparisce nel nulla, Giada si mette ad indagare sul passato di Matilde e scoprirà un segreto sconvolgente sulla sua famiglia. Giada riuscirà a ritrovare sua sorella? E chi è quel misterioso acquirente del Kantstrasse Bar con quel volto glaciale eppure così stranamente familiare? 

Ero curiossisima di leggere l'esordio nel mondo degli scrittori di Maria, che seguo e conosco come blogger di Blog Expres. Kantstrasse Bar è un racconto lungo, una novella mistery ambientata in quel di Berlino. Le protagoniste sono due sorelle Giada e Miriam, che a sorpresa scoprono di essere le beneficiarie di un'eredità lasciatale dalla misteriosa zia Matilde, donna di cui non sanno  granchè e che in famiglia ha sempre suscitato curiosità. Le ragazze partono per andare a prendere possesso del Kantstrasse Bar e della casa che la zia defunta le ha lasciato, ma quello che per loro sembra essere un semplice viaggio per sistemare formalità (e magari ricavarci qualcosina per poter realizzare i propri progetti e sogni), si rivelerà un'avventura che porterà a galla segreti nascosti dal passato e che stravolgerà il loro futuro in modi che non avrebbero mai immaginato... 

Mentre estrae il volume dallo scaffale, una lettera e una vecchia foto cadono per terra, Giada le raccoglie incuriosita. “Interessante…molto interessante.” La fotografia sbiadita ha i contorni consumati e ritrae una giovanissima Matilde abbracciata ad un ragazzo, sullo sfondo c’è una giostra con i cavalli a dondolo. 

Devo ammettere che l'idea alla base della storia è molto buona, peccato però che il racconto lungo non permetta di sviluppare appieno ogni evento, con il doppio risultato che, da una parte, si capisce quasi subito (o almeno per me è stato così), chi è il misterioso colpevole; e poi, soprattutto nella seconda parte, gli avvenimenti si susseguono un po' troppo velocemente, ed è un peccato perchè molte svolte potevano essere davvero interessanti per creare un intreccio di livello. Lo stile di Maria è molto lineare e diretto, forse un pò troppo distaccato rispetto alla storia. Le due protagoniste sono caratterizzate bene, anche se in alcuni momenti avrei voluto che si svegliassero un po' di più per dare quel non so chè alla storia. Il finale è molto originale e mi ha colpito positivamente. Credo che come esordio self sia molto buono, e se cercate una lettura che per poche ore vi trascini in una storia misteriosa senza troppo impegno, allora Kantstrasse Bar fa al vostro caso.
Tre stelle

12 commenti:

  1. Sembra un racconto piuttosto carino, dunque! ^^
    Peccato per i piccoli difetti che hai elencato, immagino tuttavia che l'autrice sarà in grado di fare tesoro dei consigli ricevuti! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente sì! Credo proprio che i feedback che Maria riceverà con questa novella le saranno più che utili per migliorarsi in vista di un'eventuale romanzo futuro ^^

      Elimina
  2. WoW! che sorpresa! Grazie per la recensione! Vado a ricondividere su facebook! Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, Maria! Scusami se ci ho messo un po' a pubblicarla >-< Grazie a te, comunque, e in bocca al lupo per tutto! :)

      Elimina
  3. Hum, in realtà prima mi ispirava moltissimo, ma come sai ho quel mio strano rapporto coi racconti e tempo che questa cosa del non sviluppare appieno il tema mi possa rimanere sullo stomaco.
    Però mi incuriosisce, quindi un giorno lo prenderò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che, nonostante tutto, gli darai una possibilità ^^

      Elimina
  4. Buon lunedì, Rosellì ^-*
    Questa volta concordo con Ile. Sai che non amo molto i racconti proprio perché la storia ha le pagine contate, ma non sapevo di questo esordio di Maria e la trama sembra molto originale. Poi la cover, lasciamelo dire, è da urlo *O*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaoooo Vi! ^^
      Yep, lo sapevo, per questa volta sei esonerata ;) La cover è veramente bella, sono d'accordo.

      Elimina
  5. Nemmeno io amo molto i racconti, però voglio leggerlo comunque. Speriamo che mi piaccia, nonostante i difetti :)

    RispondiElimina
  6. Sembra interessante, anche se mi spiace che alcune cose sembrino un po'... "affrettate". Comunque sono curiosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' dispiaciuto anche a me. Se lo leggi fammi sapere ^^

      Elimina

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3