martedì 17 marzo 2015

Recensione: Orgoglio e pregiudizio e zombie - Seth Grahame-Smith e Jane Austen

Orgoglio e pregiudizio e zombie 
(Pride and Prejudice and Zombies #1) 
di Seth Grahame-Smith e Jane Austen 
Editrice Nord 
Anno 2009 
Pagine 367 
Isbn: 9788842916444

È cosa nota e universalmente riconosciuta che uno zombie in possesso di un cervello debba essere in cerca di altro cervello. Così inizia Orgoglio e pregiudizio e zombie, versione fedelmente aggiornata del celeberrimo (e amatissimo) capolavoro di Jane Austen, grazie a numerose scene «inedite» in cui, a farla da protagonisti, sono appunto gli zombie. Pubblicato da una piccola casa editrice americana, questo romanzo ha suscitato l'entusiasmo sia dei neofiti sia dei più fanatici ammiratori della Austen, scalando in breve tempo tutte le classifiche di vendita e imponendosi come il fenomeno editoriale dell'anno. E il motivo di un successo tanto clamoroso è semplice: al fascino di una storia d'amore senza tempo, si aggiunge il divertimento di una lotta senza esclusione di colpi contro l'orribile flagello che si è abbattuto sull'Inghilterra, arrivando fino al tranquillo villaggio di Meryton, dove l'indomita Elizabeth Bennet, insieme con le sue sorelle, è impegnata a contrastare orde di famelici morti viventi. Un ruolo che le calza a pennello, almeno finché non arriva il bello e scontroso Mr Darcy a distrarla... Pieno di romanticismo e avventura, di cuori infranti e cadaveri affamati, di argute schermaglie e duelli all'arma bianca, Orgoglio e pregiudizio e zombie trasforma una pietra miliare della letteratura mondiale in un libro che si ha, finalmente, davvero voglia di leggere. O che non si vede l'ora di rileggere. 

Se amate Jane Austen e al contempo siete dei puristi dei suoi testi che al solo sentire parlare di riscrittura alzate gli occhi al cielo, peggio ancora se nel caso subentrano zombie, vampiri o quant'altro, allora questo non è il romanzo che fa per voi. Se invece siete lettori curiosi e non avete paura di sperimentare retelling diversi dal solito, allora Orgoglio e pregiudizio e zombie potrebbe piacervi e anche parecchio. Il mio approccio al libro ricade nel secondo caso, fermo restando però che lo stile di Jane Austen è inimitabile e unico, non importa quanto uno ci provi a imitarla, nessuno riuscirà mai a riportare sulla carta la sua penna arguta e fine, la sua ironia e i suoi personaggi. 
Il romanzo di Grahame-Smith ha il pregio di riprendere pari pari la storia dell'originale, molti passaggi e scene sono praticamente gli stessi solo leggermente semplificati nel linguaggio, e di inserire nel contesto gli zombie. Basti vedere come il famoso incipit sia stato zombieficato (al pari della cover, una zombieficazione davvero riuscita del dipinto di William Beechey). Non sappiamo come sia nata la mortale pestilenza che affligge l'Inghilterra, e poco ci importa, forse. Elizabeth, Jane e le tre sorelle minori non sono solo delle giovani donne in cerca di un marito, ma anche delle formidabili guerriere che armate di tutto punto con moschetto e katana, proteggono gli abitanti della campagna di Meryton dalla minaccia degli innominabili.

E' cosa nota e universalmente riconosciuta che uno zombie in possesso di un cervello debba essere in cerca di un altro cervello. E tale verità si era dimostrata in tutta la sua evidenza durante le recenti aggressioni a Netherfield Park, durante le quali una famiglia di diciotto persone era stata massacrata e divorata da un'orda di morti viventi.


La scelta dell'autore ha i suoi pregi e i suoi difetti secondo me. Da un lato fa sì che la storia nel complesso non venga stravolta più di tanto dall'originale (con buona pace dei puristi di cui prima). L'introduzione degli zombie funziona alla grande e contribuisce a creare dei piccoli cambiamenti che vi faranno morire dal ridere, in senso buono ovviamente! Perchè dai, provate a immaginarvi Elizabeth Bennett che offesa da Mr. Darcy durante il primo ballo, sogni di riscattare il proprio onore tagliandogli la gola. O che alla proposta di Darcy di sposarlo, Liz reagisca attaccandolo, dando vita a un combattimento rabbioso e anche molto sensuale! O ancora, che Lady Catherine de Bourgh sia la più letale assassina di zombie di tutto il regno e che nel faccia a faccia finale con Liz, invece di parlare in modo schietto, le due se le diano di santa ragione su un dojo peggio di due ninja! Elizabeth è una combattente fantastica, e trovo che questo suo nuovo "ruolo" si sposi meravigliosamente con il suo carattere schietto, mentre mi è dispiaciuto che Mr. Darcy, oltre a essere orgoglioso, risulti molto più spesso maleducato, cose che non è mai stato e che mi ha fatto proprio storcere il naso. D'altro canto però, il fatto di sapere dall'inizio come andrà a finire tende a far si che l'attenzione del lettore cali durante la lettura. Personalmente ci sono alcuni passaggi del romanzo che potrei recitare a memoria per quante volte ho letto e riletto il libro della Austen, e ritrovarvi a leggere quei passi in cui di zombie neanche l'ombra (o la puzza), mi ha annoiato un pochino. Nel complesso però è un romanzo davvero piacevole, diverso dal solito che mi è piaciuto, probabilmente mi sarebba piaciuto anche di più se l'avessi letto in un altro momento, e che mi ha strappato sicuramente delle risate!
Mi è dispiaciuto invece scoprire che nell'edizione originale del romanzo c'erano delle illustrazioni (ve ne ho messa qualcuna tanto per davi l'idea), carine e che rendono ancora più vivida la presenza degli zombie, mentre non ce n'è proprio traccia nella versione nostrana. E ho scoperto da poco poi che è in corso di realizzazione la trasposizione cinematografica, che vedrà Lily James nei panni di Elizabeth Bennett e Sam Riley in quelli di Mr. Darcy. Sono curiosissima di vedere il film, non ve lo nascondo, intanto però sono contenta perchè ho finalmente letto il romanzo che stazionava in wish list da una eternità :3
Tre stelle

24 commenti:

  1. Se amate Jane Austen e al contempo siete dei puristi dei suoi testi che al solo sentire parlare di riscrittura alzate gli occhi al cielo, peggio ancora se nel caso subentrano zombie, vampiri o quant'altro, allora questo non è il romanzo che fa per voi. Eccomi!!!! ahahha XD
    Non potrei mai leggerlo, mi sentirei offesa per la zia Jane...credo che all'uscita di questo romanzo si sia rivoltata nella tomba povera Jane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah lo sapevo che non ti piaceva Pila xD Nooo, povera zietta Jane, però ti dirò mi aspettavo di peggio XD

      Elimina
  2. Bella recensione, complimenti! Non pensavo che avrei avuto voglia di leggerlo ma dopo le tue parole credo di aver cambiato idea. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! ^-^ Fammi sapere quando lo leggerai, che sono curiosaaa...

      Elimina
  3. Rosa, complimenti per la recensione! Mi è davvero piaciuta molto! :) Io sono una di quelle che storce il naso, lo confesso. È solo che mi suona un po' di ridicolo infilare gli zombie in un libro come P&P e anche la questione ninja/combattenti nelle ragazze Benneth non mi fa impazzire! Ho scoperto anch'io tempo fa l'uscita del film e non sto contando i minuti... xD però lo guarderò. Peccato per l'omissione delle illustrazioni! Suppongo che avrebbero fatto sollevare il prezzo del libro...? Mah, misteri dell'editoria! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ila, sei gentilissima! ^^ Si è ridicolo mettere gli zombie in un clssico, ma per quanto sia stupido funziona! Il film sarà una cosa spassossissima secondo me XD

      Elimina
  4. Adoro la Austen, però mi piacerebbe leggerlo per farmi quattro risate! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le risate sono assicurate! ^O^

      Elimina
  5. mi sembra carino! attendo il film!!

    RispondiElimina
  6. Vorrei leggerlo, ma non so se avrebbe senso visto che non ho letto 'l'originale' xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, prima l'originale!!! ^-^

      Elimina
  7. Io non ho ancora letto Orgoglio e pregiudizio.. ma la Austen è una scrittrice che vorrei approfondire!
    Questo libro comunque mi incuriosisce.. peccato che abbiano tolto le illustrazioni :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è un peccato, sono carinissime e avrebbero sicuramente dato un quid in più al libro ^_^ Devi leggere la Austen Eli!!!

      Elimina
  8. Sono contenta che ti sia piaciuto! *__* Ammetto che l'incipit è una delle mie parti preferite :P E sono anch'io curiosa di vedere il film, sperando che si decidano a farlo uscire! (Che io sappia è in lavorazione da una vita, ma se hanno già deciso il cast spero che siano a buon punto! :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bah, la notizia che ho trovato lo dava in uscita a fine 2015, però chissà :)

      Elimina
  9. Ahahah!! Troppo forte questa versione Rose ma non ti è venuto da ridere :D
    Sinceramente non so se leggerlo, come sai non ho letto nemmeno l'originale (>_<), ma sicuramente vedrò la versione cinematografica perché adoro Lily James dopo averla vista in Cenerentola *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, a ridere mi ha fatto ridere, ma in alcune parti andavo con l'avanti veloce perchè mi annoiavo XD Tu leggiti l'originale prima, poi si vedrà... il film sarà una cosa da ridere di sicuro!

      Elimina
  10. Bella recensione, sembra un poco più interessante di quello su Lincoln che ho letto ioXD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alexis, siii, credo acnhe io che sia un pochino più interessante di quello su Lincoln ^^

      Elimina
  11. Bella recensione! Io temo che non riuscirei ad apprezzarlo a dovere. Me l'ero fatto prestare anni fa, l'ho iniziato... e mi sono bloccata. Ricordo che lo stile non mi piaceva per niente, mi annoiava e trovavo troppo ridicolizzato il romanzo originale. Temo di fare parte dei puristi e nemmeno me n'ero resa conto. XD
    In ogni caso ho intenzione di finirlo prima o poi, perché devo togliermi lo sfizio di capire se davvero non fa per me. Che dire, sono testarda. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo lo sforzo An, io non riuscirei a continuare un romanzo cominciato e interrotto tempo fa.... in alcune parti mi sono annoiata anche io, ma compensava con quelle che invece mi hanno fatto ridere. Uhm, ridicolo no, però assolutamente originale si ^_^
      Fammi sapere poi alla fine che ne pensi in toto, ci tengo!

      Elimina
  12. Sai, Rosa, che questo libro gira tra le Belle da anni, tanti anni? Una di noi l'aveva acquistato quando ancora andavamo al liceo, l'ha letto e prestato alle altre finché la libreria di Angharad non l'ha fagocitato riemergendo solo ora. Ci rimane il dubbio su chi sia la proprietaria: il mio nome è il più quotato.
    Sinceramente non ricordo molto di questo romanzo, ma dalle tue parole sembra un retelling interessante: le sorelle Bennett armate mi incuriosiscono molto.
    Davvero ne faranno un film? Mi domando come sarà, ho il ricordo vago di una certa ironia di fondo. Possibile? E riusciranno a rendergli giustizia su pellicola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, una comunione di beni a quanto pare XD
      L'ironia di fondo la ricordi bene, spero traspaia anche nella trasposizione, anche perchè sennò viene fuori una cosa inguardadile u.u

      Elimina

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...