martedì 12 maggio 2015

Recensione: La figlia della vendetta - Giada Bafanelli | Intervista all'autrice

La figlia della vendetta 
di Giada Bafanelli 
Self-publishing 
Anno 2015 
Pagine 197 
Asin: B00UY6965K 

Una profezia di morte scuote Asgard dopo secoli di pace: qualcuno tradirà gli dei e scorrerà il sangue di molti innocenti.
Mentre Loki viene additato come traditore e Idun si trova invischiata negli intrighi di una corte di cui non le importa nulla, le valchirie, guidate dalla coraggiosa Brunilde, escogitano in segreto un piano per fuggire dalla città degli dei. E Sif, divisa tra l’amore nei confronti di chi l’ha salvata e il desiderio di vendetta, rischierà di cambiare per sempre il destino degli Æsir.

Avevo già avuto modo di apprezzare la bravura di Giada tempo fa, quando mi propose di leggere il suo racconto I giardini di Asgard, prequel che si trova incluso nel romanzo e che fa da introduzione ad alcuni personaggi le cui storie saranno approfondite nel romanzo La figlia della vendetta. Racconto che mi era piaciuto molto - potete leggerne la mia recensione qui -, e La figlia della vendetta non fa che confermare la buona prima impressione che mi ero fatta: l'autrice conosce benissimo il mondo di cui scrive, quello della mitologia norrena, e sa ben sfruttarne le ambientazioni, gli dei e le dee che lo abitano, centrando in pieno le loro caratteristiche principali e le motivazioni che li muovono, a cui aggiunge una pennellata inedita e avventurosa che ben si sposa con tutto il resto.


Fino a quel momento aveva avuto paura; aveva temuto di aver sbagliato tutto coinvolgendo Aurboda e gli abitanti del castello, ma ora quella sensazione era scomparsa, sostituita da una calma silenziosa e innaturale. Quello era il suo destino, l’ordine naturale delle cose. Tutto si sarebbe risolto come avrebbe dovuto.


La storia, come dice il titolo stesso, racconta della vendetta, una vendetta che troverà modo e maniera per essere consumata anche dopo che molto è passato da quando essa si ritenne necessaria e che coinvolgerà quasi tutti gli abitanti dei Nove Mondi: dal Padre di Tutti Odino a suo figlio Thor, passando per l'inaffidabile (oppure no)  Loki, a Heimdall, il guardiano del ponte Bifröst alle bellissime e valorose guerriere, le valchirie - cito Brunilde per tutte - e perfino Idun e la piccola Aura, le protagoniste del prequel. La voglia di vendetta, di rivalsa per i torti e gli affronti subiti in passato che porteranno inevitabilmente allo scontro, alla guerra, con perdite e una buona dose di disperazione da ambo le parti in causa. L' intreccio è ottimo, i capitoli sono scritti seguendo i punti di vista di diversi personaggi e ciò consente a noi lettori di avere un quadro ben preciso delle alleanze e dei tradimenti in corso. L'autrice è stata molto brava poi a gestire le scene d'azione e di combattimento, che non sono troppo confusionarie e che tengono con il fiato sospeso. C'era anche uno spiraglio per un pizzico di romance in più che a me sarebbe piaciuto tantissimo dato che coinvolgeva un personaggio che adoro (sarebbe meglio dire per cui sbavo, ma conserviamo un pò di dignità xD), e il finale, con quella ultima scena che forse rimette le arte in tavolo, lascia presagire un seguito che spero proprio venga alla luce. Una lettura che consiglio!
Quattro stelle

Ed ora vi lascio anche una piccola intervista per saperne qualcosa di più sul romanzo e sull'autrice!

Ciao Giada, benvenuta su Briciole di Parole, questa volta in veste di autrice, dato che se sei sempre presente come commentatrice (ma oggi non conta xD), e grazie per esserti resa disponibile a rispondere a qualche domanda.
Ciao, Rosa! Grazie a te per lo spazio che mi stai dedicando! :3
Allora partiamo subito! Dimmi tre aggettivi che useresti per descrivere il tuo libro!
Oddio, che domanda difficile! Comunque, pensandoci bene, sceglierei drammatico, dark e avventuroso. Credo che queste tre parole riassumano molto bene le atmosfere del romanzo.

La mitologia norrena è la protagonista assoluta del romanzo e si sente che ne sei una appassionata e che la conosci bene. Come è nata questa passione? 
Ho sempre avuto delle passioni un po’ fuori da coro. In particolare, ci sono due cose che amo: la mitologia e il Nord Europa. Mi è sempre piaciuto studiare per conto mio i vecchi miti e le storie dei popoli antichi; ne sono sempre stata in qualche modo affascinata. È bello vedere come, in qualche modo, i miti, le leggende e le religioni di questi popoli siano collegati tra loro e ancora oggi, nelle religioni moderne, ci sono molte reminiscenze delle vecchie credenze. 
In più, visto che amo la Scandinavia, appassionarmi di mitologia norrena è stato inevitabile!

Ti andrebbe di consigliarci dei libri, romanzi o saggi, e altro (film-fumetti e così via) a chi vorrebbe curiosare e saperne di più sui Vanir e gli Æsir?
L’Edda di Snorri Sturluson è praticamente la Bibbia della mitologia norrena, per cui il mio consiglio è di cominciare da lì. Nonostante sia stata scritta in epoca cristiana e l’autore si sia imposto una specie di censura rappresentando gli dei come semplici eroi, trovo che sia davvero molto bella ed esauriente. Ora, invece, sono alle prese con I miti nordici di Gianna Chiesa Isnardi: contiene delle belle chicche; peccato per il prezzo non proprio accessibilissimo!
Oddio, a rispondere a questa domanda mi sono sentita incredibilmente secchiona. :P

C'è qualcosa o qualche autore che ha influito notevolmente sulla storia che racconti in La figlia della vendetta? Cosa ti ha ispirato di più?
Non saprei dirti se c’è un autore che mi ha ispirato di più. Credo che leggere sia fondamentale, e ogni scrittore che apprezzo mi insegna qualcosa.

Io ho adorato Loki e Brunilde, mentre avrei preferito che Sif agisse in modo diverso, soprattutto nei confronti del marito. E tu chi hai preferito tra i tuoi personaggi? Ce n'è stato qualcuno che hai scritto con più facilità rispetto ad altri? Quale invece quello più difficile da tratteggiare, se c’è? 
Hai ragione! Sif è troppo accecata dall'odio per accorgersi del proprio egoismo. Comunque il mio personaggio preferito è Loki. Mi sono divertita a molto a scrivere i suoi capitoli, soprattutto per via del suo caratteraccio! Quello un po’ più difficile da tratteggiare è stato Idun, anche se non so bene perché: tutto sommato, è il personaggio più buono e tranquillo tra i vari protagonisti del romanzo. Però, ogni volta che dovevo scrivere un suo capitolo, mi sono trovata un po’ in difficoltà.

Questa è una domanda che non posso evitare di fare... Ci sarà un seguito? Dimmi di sì!
Il seguito di sarà, anche se non in tempi brevi! Per ora mi sto concentrando su un’altra storia; avevo bisogno di una pausa per poter mettere insieme qualche idea. Ti dico solo che probabilmente i protagonisti cambieranno: credo proprio che al centro delle prossime vicende ci saranno Auda e Hervör! :)

Wow, non vedo l'ora di saperne di più, soprattutto su Hervör! Spero di avervi incuriosito e che leggerete il romanzo. Ringrazio Giada per la disponibilità e le auguro un grandissimo in bocca al lupo!!! :3

15 commenti:

  1. Bella recensione-intervista! ^^ Anche io l'ho letto! Molto bello! Felice che ci sia un seguito con Auda e Hervör! *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tania! Per il seguito sono felice e curiossissima anche io ^_^

      Elimina
  2. Grazie mille, Rosa! Sono felicissima di sapere che il romanzo ti è piaciuto! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma prego! :)
      Brava, brava, brava Giada!! Continua così mi raccomando :D

      Elimina
  3. Rosa sono felice che il libro ti sia piaciuto.. e complimenti ad entrambe per l'intervista ^^
    Sono davvero felice che ci sarà un seguito e non vedo anche l'ora di saperne di più sull'altra storia che sta scrivendo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non vedo l'ora! di leggere il seguito! E sono felice che l'intervista ti sia piaciuta :3

      Elimina
  4. Ciao Rose! Ma è simpaticissima Giada :D
    Amo anch'io la mitologia norrena e questo libro in particolar modo mi incuriosisce tantissimo perché ne avevo sentito parlare bene anche da Eli. Bah tanto in lista già c'era ;p
    Spero di riuscire a leggerlo almeno per quest'estate ;) Brava Aenor!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, bene, così sai già che devi leggerlo, punto. :D
      Io invece quest'estate vorrei proprio sfogliarmi I miti nordici di cui parlava Giada!

      Elimina
  5. Ho finito proprio oggi il libro...non ne sono così entusiasta come te ma il libro mi è piaciuto e sono curiosa di sapere come va avanti la storiaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, come si dice, il mondo è bello perchè vario! Sono contenta che tu l'abbia letto! ^-^

      Elimina
  6. Complimenti per la recensione :) Il libro mi incuriosisce parecchio ed ho trovato interessante anche l'intervista :)

    RispondiElimina
  7. Mi piacerebbe leggerlo! Me lo segno ;) Bell'articolo, Rosa! Ciao Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, sono contenta di averti incuriosito Maria, fammi sapere se ti è piaciuto poi! ^^

      Elimina
  8. Bellissima, recensione! Mi hai incuriosita molto e sicuramente inserirò il romanzo in wishlist.
    Sono molto affascinata dalla mitologia norrena che onestamente conosco poco e solo per quel poco che i film della Marvel mi hanno spinto a ricercare >.<
    Interessante anche l'intervista :3

    RispondiElimina

Lasciami una briciola, un commento, come segno del tuo passaggio :3